15.5 C
Comune di Taurianova
lunedì, Ottobre 25, 2021

Foibe, il Giorno del Ricordo

Assessore Fedele: «Ricordare è solo l'ultimo atto, un ultimo sguardo all'indietro per mai più perpetrare simili atrocità»

- Pubblicità -spot_img

Oggi si celebra una delle grandi tragedie del Novecento. E’ il Giorno del Ricordo, istituito dal Parlamento italiano nel 2004, per conservare e rinnovare la memoria della tragedia degli italiani e di tutte le vittime delle foibe, dell’esodo degli istriani, fiumani e dalmati dalle loro terre. Tra le vittime anche tanti calabresi, mentre centinaia di profughi trovarono in Calabria accoglienza e solidarietà. Un evento che tramanda tante sofferenze, che non va dimenticato nè strumentalizzato.

L’Assessore alla Cultura Maria Fedele in una nota scrive: «Il ricordo, come unica arma contro la superficialità in cui quotidianamente annega una società ormai troppo distratta, disorientata. La storiografia viene scritta dai vincitori e spesso, immani tragedie, finiscono nell’oblio dal quale, faticosamente, storici e studiosi cercano in maniera disperata di tirar fuori cenni di realtà, scampoli di verità».

«Forse ricordare non basta – si legge ancora nella nota -. È necessario, prima ancora, ricercare conoscere, comprendere. Ricordare è solo l’ultimo atto, un ultimo sguardo all’indietro per mai più perpetrare simili atrocità».

Rerum Romanarum: Monumento alle vittime delle Foibe

Abbiamo dunque raggiunto l’Assessore Fedele per farci raccontare meglio il suo pensiero, e porre maggiore risalto a questa giornata solenne, che non va gettata nelle foibe dell’oblio. 

La vita culturale è frenata ovunque dalla pandemia, e anche se l’emergenza sanitaria ha limitato le manifestazioni pubbliche, Taurianova non dimentica le vittime delle foibe. Perché Assessore Fedele, secondo lei è importante porre attenzione a questa giornata?

«Il giorno del ricordo, così come il giorno della memoria, celebrato qualche settimana fa, pongono l’accento su una questione molto importante che non ruota semplicemente su un momento commemorativo delle vittime, ma che vuole essere un monito, uno spronare una ricerca continua su quella che è stata l’amara realtà di quel tempo. Nonostante molto si sia detto e molto sia stato fatto, mancano ancora diversi tasselli, che solo il tempo ed un appassionato lavoro di ricerca storica potranno riportare alla luce. Naturalmente il messaggio che attraverso questi momenti di riflessione si vuole lanciare è chiaro, certi orrori non vanno ripetuti. Eppure la geopolitica, ancora oggi, ci fa vedere il contrario. La nostra amministrazione vuole sottolineare l’importanza della conoscenza storica, della comprensione dei tempi, affinché la consapevolezza umanistica ci permetta di tagliare nettamente con gli errori del passato».

Speciale Foibe: “Celebrazione del Giorno del Ricordo”

Alle 11, a cura di Rai Parlamento, andrà in onda, in diretta da Montecitorio, la “Celebrazione del Giorno del Ricordo”, alla presenza del Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, della Presidente del Senato, Maria Elisabetta Alberti Casellati, e del Presidente della Camera, Roberto Fico.

Ultime Notizie

Associazioni

Notizie suggerite