26.6 C
Comune di Taurianova
martedì, Agosto 3, 2021

“Risorse” ora è un’Associazione

"L’ultima tornata elettorale ha costituito per noi un’importante occasione di incontro"

- Pubblicità -spot_img

Si presentano come “un gruppo di giovani con profondi e radicati valori democratici, giovani volenterosi di contribuire, con le loro idee, a progettare il futuro della terra a cui apparteniamo. Noi Risorse porremo la diffusione della legalità ed il rispetto dei diritti umani ad insegna del nostro impegno civile, ampliando ed arricchendo le occasioni di partecipazione e di aggregazione dei giovani taurianovesi a livello politico, sociale e culturale, e dunque incentivando positivi processi di cittadinanza attiva”.

Sono appunto le Risorse, da qualche giorno nuova Associazione del territorio che in una nota scrive: “Il gruppo primordiale si è riunito per la prima volta in un caldo 26 luglio del 2020, quando tante menti – impegnate nella società in vario modo – si sono ritrovate attorno ad un tavolo per parlare di temi come l’equità di genere, la parità dei diritti, la libera diffusione della cultura, il futuro a misura di cittadino. L’intesa è stata da subito forte, come anche la assoluta necessità di metterci in gioco.
Sono immediatamente nati i gruppi di condivisione di idee e progetti, e parimenti sono cresciute le occasioni di riunione, che hanno contribuito a far nascere solide amicizie”.


Fin qui nulla di male, è sempre un segnale positivo la presenza di giovani attivi in paese, però il nome Risorse, per diversi mesi estivi, lo abbiamo associato ai giovani della coalizione di Taurianova futura, quelli che firmavano i vari video promozionali del candidato a sindaco Fabio Scionti e curavano firmando la comunicazione social; anche il logo è lo stesso, anche la lampadina al posto di una vocale, per quelle risorse che sarebbero dovute essere la nuova linfa di una politica partitica.

Torniamo all’Associazione Risorse che vede Noemi Asciutto presidente, vicepresidenti Giuseppe Abramo e Bruno Parrone, e poi nel Consiglio Direttivo Salvatore Barresi, Francesco Larosa, Alessia Maiorca, Gianluca Errigo e Giuseppe Franchetti, e inoltre tra i soci fondatori anche Giacomo Larosa, Francesco Rossetti e Simone Marafioti.

Nomi che ritornano anche riguardando le liste elettorali. Noemi Asciutto è stata infatti candidata nella lista del Pd (ottenendo 98 preferenze), come anche Giacomo Larosa (277) Alessia Maiorca (62), Giuseppe Franchetti (141) e Simone Marafioti (304), attualmente in Consiglio Comunale. Bruno Parrone lo ritroviamo invece nel Comitato Civico Scionti Sindaco (113).

Il comune denominatore tra loro, oltre la giovane età, è dunque anche il successo personale raggiunto, considerando che in Consiglio fra la maggioranza c’è chi ha ottenuto l’ingresso con solo 123 o 124 preferenze. Però il dubbio – che si tratti di giovani che magari vogliono prendere forza politica attraverso la strada più ampia dell’associazionismo – è lecito, ecco perchè abbiamo raggiunto direttamente l’Associazione e fatto qualche domanda.

Come Risorse quali sono i vostri progetti concreti per la città?

Il nostro intento è quello di promuovere attività e azioni con lo scopo di sensibilizzare l’opinione pubblica su tematiche che incidono sullo sviluppo delle città del futuro, sostenendo e incentivando iniziative politico-amministrative che, attraverso buone pratiche di governo partecipato, concorrano a ridurre la distanza tra Istituzioni e cittadini.

Nell’atto pratico intendiamo costituire un luogo privilegiato di conversazione e ascolto, di elaborazione progetti, proposte e indirizzi attraverso incontri, convegni e dibattiti, (se in presenza o in remoto lo deciderà l’evoluzione pandemica in corso), favorendo al massimo il protagonismo dei partecipanti e il pluralismo delle voci che saranno messe a confronto. Attraverso lo sviluppo di indagini e studi sui vari aspetti della società taurianovese, riporteremo nei nostri incontri risultati ottenuti, analizzeremo punti a favore e criticità con esperti interni ed esterni al territorio chiamati a discutere in relazione al settore specifico trattato, costituendo occasioni per affinare conoscenze e competenze delle figure professionali che parteciperanno.

Intendiamo progettare micromodelli di intervento funzionali alla riqualificazione dei quartieri e delle frazioni analizzando esigenze specifiche e mettendo in campo la multidisciplinarietà delle nostre competenze tecniche e professionali con l’obiettivo di promuovere una sana coscienza ambientale e contribuire all’affermazione di politiche mirate allo sviluppo sostenibile del territorio, nel pieno rispetto delle risorse esistenti, delle biodiversità e della salute dei cittadini.

Non c’è il rischio di essere confusi con le Risorse che abbiamo conosciuto con un progetto politico e partitico ben preciso?

L’ultima tornata elettorale ha costituito per noi un’importante occasione di incontro e conoscenza che ha favorito la nascita di questo gruppo. In quell’occasione si sono create le prime sinergie, i primi confronti e dibattiti incentrati a supporto di un progetto politico che affidava a noi giovani un ruolo determinante. Abbiamo sostenuto un progetto incline alla nostra idea e visione di futuro con precisi programmi d’azione, molti dei quali redatti sulla base degli obiettivi dell’agenda 20/30, obbiettivi che intendiamo perseguire ancora oggi con le nostre azioni. 

L’esserci costituiti come Associazione non comporta alcun trasformismo o cambiamento sostanziale della nostra organizzazione, del nostro rapporto d’intesa, dei nostri profondi e radicati ideali. Potremmo affermare, invece, che il costituirci associazione sia una mera evoluzione del nostro progetto, che ci permette di “formalizzare” l’intesa e dunque di rendere più strutturale e strutturata la nostra azione.

Tra i membri siete tutti palesemente verso sinistra, può ostacolare questo aspetto una futura campagna adesioni dell’Associazione, verso chi magari partiticamente non segue il vostro orientamento?

I valori posti alla base della costituzione di questa associazione, quali lotta alle disuguaglianze, alle mafie, all’illegalità, rispetto e valorizzazione delle differenze di genere, religiose, culturali sono riconducibili a scelte etiche precise più che ad un orientamento politico. 

Abbiamo costruito la nostra intesa iniziale su grandi macro-tematiche, e dunque non su una scelta di campo. Siamo un’associazione che non persegue fini di lucro, apartitica ma non apolitica, in linea con il significato etimologico della parola greca “polis”.

Non saremo mai indifferenti alla politica, ne discuteremo sempre, senza mai preclusioni di idee, proposte, suggerimenti. 

Siamo volenterosi e desiderosi di “crescere”, di diventare più grandi e dunque di includere sempre più persone all’interno della nostra Associazione, nuovi associati che – prescindendo dagli orientamenti elettorali – credano in ciò che abbiamo creato, e che si facciano sempre portavoce dei nostri obiettivi in uno spirito di franca collaborazione.

Ovviamente i dubbi aiutano a volte a comprendere meglio, perchè si ha la possibilità di avere delle risposte più esaustive rispetto ai comunicati stampa, magari invece nonostante i confronti per alcuni aspetti possono anche restare alcuni punti interrogativi, ma è importante anche schiarire la mente dai pregiudizi anticipati, ed è quello che vogliamo fare.

Inoltre più volte la stessa Proloco è stata associata a partiti politici, perchè tra i soci in tanti hanno rinvigorito le liste del centro destra, oppure l’attuale Assessore Maria Fedele con delega all’Associazionismo è stata fino alle amministrative presidente di un’Associazione culturale, quindi è normale che fra le varie Associazioni ci possa essere qualcuno che poi sceglie la partecipazione attiva in politica, appare strano il contrario, però diamo fiducia ai giovani, che già per questo sono capaci si essere vere risorse per tutti.

Nadia Macrì
direttore

Ultime Notizie

Associazioni

Notizie suggerite