22.4 C
Comune di Taurianova
lunedì, Settembre 27, 2021

Elezioni regionali: i candidati di Taurianova

Stella Morabito e Antonio Marziale scendono in campo alle prossime elezioni regionali. Tra i candidati anche il dirigente scolastico Gelardi e Cettina Nicolosi.

- Pubblicità -spot_img

Per la presentazione delle liste c’era tempo fino a mezzogiorno di oggi, ma pare che le liste siano state già chiuse nella serata di ieri nonostante non sia stato facile per molti partiti arrivare con serenità alle liste finali per le elezioni del 3 e 4 ottobre, quando saremo chiamati con il nostro voto a rinnovare il Consiglio regionale e a eleggere il nuovo presidente della Regione tra i quattro candidati in corsa: per il centro sinistra la scienziata fondatrice del centro regionale di neurogenetica Amalia Bruni, per il centro destra il capo gruppo uscente di Forza Italia (partito di cui è anche deputato) Roberto Occhiuto, l’ex Pm e sindaco di Napoli Luigi de Magistris e l’ex governatore Mario Oliverio che ripropone la sua candidatura da indipendente.

Tra i candidati nelle 22 liste (8 a sostegno della Bruni, 7 quelle che appoggiono di Occhiuto, 6 a sostegno di de Magistris e solo una per Oliverio) pochi sono i nomi di Taurianova o comunque legati alla nostra città, con tanti voti che quindi andranno a sostenere candidati di altri paesi, vicini alla nostra Amministrazione.

Dopo la candidatura alle scorse elezioni regionali di Rocco Biasi con la Lega, questa volta nel partito del Carroccio Taurianova non candida nessuno, con Nino Spirlì che ha scelto di non candidarsi avendo però già assicurata la vicepresidenza in coppia con Occhiuto, e lo stesso sindaco di Taurianova che ha preferito non mandare in campo nessuno dei suoi sostenendo invece il sindacalista Stefano Princi, originario di Santo Stefano d’Aspromonte, a sostegno della Santelli nel 2020 nella lista Case della libertà e ora approdato nella Lega.

Anche se sempre per la Lega tra i candidati c’è il preside Giuseppe Gelardi, dirigente (ora ovviamente in ferie) dell’IC Alessio – Contestabile di Taurianova che in un ragionamento – che però va oltre gli schemi elettorali e partitici – avrebbe dovuto ricevere il sostegno di Taurianova, ma non è detto che non potrà comunque portare verso di lui i voti delle persone legate al mondo della scuola.

Preside Giuseppe Gelardi – photo © Taurianova Talk

Ma se il Sindaco sosterrà Princi, il vicesindaco di Taurianova, Nino Caridi, che è stato determinante per la vittoria di Biasi a Taurianova con il suo carico di oltre 600 voti, da sempre è un sostenitore di Arruzzolo (Forza Italia) sul quale convergeranno anche molti voti del partito di Taurianova.

E se alla fine non cambia nulla per Nino Spirlì e la sua vicepresidenza assicurata, il numero dei voti della Lega di Taurianova rispetto a quelli che andranno ad altri partiti farà anche nella giunta capire il peso di ogni amministratore in vista di elezioni future o di rimpasti interni.

E sempre nel centro destra con la lista Forza Azzurri (che era l’unico slogan rimasto per farci esultare sportivamente senza toccare la politica!) tra i candidati c’è Cettina Nicolosi, presidente del Conservatorio di Musica Cilea di Reggio Calabria e candidata a sindaco di Taurianova nel 2015 con 7 liste civiche e poi consigliere della città, ma ancor prima impegnata politicamente a Cinquefrondi, suo paese.

Foto della campagna elettorale 2015 di Cettina Nicolosi a Taurianova.

Tra i taurianovesi emigrati ma legati al territorio c’è la candidatura di Antonio Marziale per Fratelli d’Italia che a Taurianova forse potrà contare dunque sui voti del partito, rappresentato in Consiglio comunale da Lazzaro e Prestileo, oltre che sui suoi seguaci. Marziale ha dichiarato che i diritti dell’infanzia saranno al centro del suo programma e certamente la sua presenza in Consiglio regionale potrebbe “garantire” la continuazione del suo operato nella nostra regione.

Con Luigi de Magistris, nella lista de Magistris presidente è invece candidata la taurianovese Stella Morabito, in consiglio comunale nell’Amministrazione Scionti, candidata nella lista del Pd, ma poi passata in minoranza. E domani sera in Piazza Italia sarà proprio lei a moderare l’incontro con il suo candidato presidente, che di fatto è il primo ad arrivare in città per questa nuova campagna elettorale ufficialmente iniziata oggi.

La sinistra invece non candida nessuno, anche se i vertici del Pd regionale avrebbero voluto la presenza di Mesa Gerace tra i candidati per il sud, colpita nei giorni scorsi da un grave lutto con la morte improvvisa della madre. I voti del Pd della città saranno quindi divisi con ogni probabilità tra i candidati Irto e Battaglia.

Ci sono inoltre da considerare rappresentanze politiche non presenti in Consiglio comunale, come ad esempio il Movimento Cinque Stelle, che però è già a lavoro per dare forza al proprio partito e i voti della città legati ad Oliverio o Francesco D’Agostino e quelli che saranno un atto pratico di gratitudine.

Ma siamo solo all’inizio.

Nadia Macrì
direttore

Ultime Notizie

Associazioni

Notizie suggerite