22.4 C
Comune di Taurianova
lunedì, Settembre 27, 2021

Un consigliere di minoranza è positivo al Covid, ma la maggioranza vota lo stesso i presidenti delle Commissioni consiliari

La minoranza aveva chiesto ad inizio seduta il rinvio per l’assenza dei consiglieri del gruppo Fratelli d'Italia, ma la maggioranza ha deciso di andare avanti con le votazioni

- Pubblicità -spot_img

Può non bastare essere positivi al Covid o essere in quarantena (imposta da una scuola) per essere considerati assenti giustificati? 

Succede a Taurianova nel giorno in cui si sono insediate le Commissioni consiliari permanenti, tanto attese, volute, apprezzate, eppure già zoppicanti.

Le Commissioni sono 5, istituite nel Consiglio Comunale del 25 marzo e nominate, quindi definite nei componenti, durante lo scorso Consiglio del 27 aprile, ma con l’insediamento avvenuto ieri mattina, ci sarebbe dovuta essere l’elezione, per ciascuna Commissione, del presidente, del vicepresidente e del segretario. E così è stato in effetti per le prime due commissioni. 

Il fuori programma che ha portato polemiche già all’insediamento delle Commissioni è stata l’assenza dei consiglieri di opposizione Filippo Lazzaro e Daniele Prestileo, assenti per motivi di salute, non generici motivi di salute ma legati al Covid. Uno è positivo e l’altro è in quarantena perché nella scuola dove presta servizio si è verificato un caso di positività di un’alunna e di conseguenza, come da protocollo, la classe e gli insegnanti sono stati messi in quarantena e attivata la Dad.

Assenza che non ha lasciato indifferente il resto della minoranza tanto che sia il consigliere Simone Marafioti che il consigliere Nello Stranges hanno proposto di rinviare la seduta. Il segretario comunale ha precisato che ai due consiglieri era stata offerta la possibilità di accedere attraverso un link allo streaming disponibile già per tutti, sicuramente con la possibilità in più di poter accedere al voto, offerta che non ha trovato il consenso dei due consiglieri tanto però da essere considerata una colpa, nonostante sia stato detto da più voci della maggioranza che il consigliere Lazzaro, assente per motivi di salute, fosse pienamente giustificato, però non è bastato. «E’ giustificato Lazzaro, però andiamo avanti con le votazioni» perché «non è giustificato Prestileo che avrebbe potuto pure mandare qualcosa per iscritto».  

Ora i motivi per cui due consiglieri decidano di non collegarsi in streaming per un appuntamento così importante forse è collegato all’appartenenza allo stesso gruppo politico (Fratelli d’Italia), forse è legato all’impossibilità di uno a partecipare, perché positivo al Covid, e l’altro decide di astenersi per correttezza, solidarietà, amicizia, o anche potrebbe esserci impossibilità tecnica a partecipare in streaming. Ovviamente l’assenza andava comunicata ed il consigliere Prestileo afferma di averlo fatto in una nota diramata questa mattina. 

«Dopo quanto accaduto durante la seduta per l’insediamento delle commissioni consiliari – scrivono Lazzaro e Prestileo – abbiamo sentito l’obbligo di intervenire soprattutto per il “rispetto” che siamo abituati a portare sia al nostro elettorato ma soprattutto a tutta la Comunità che in un certo qual modo rappresentiamo. Per motivi di salute comunicati per tempo all’attuale maggioranza, non abbiamo potuto essere presenti alla seduta per l’insediamento delle commissioni consiliari ma – continuano i due consiglieri – precisiamo che di tale assenza entrambi abbiamo dato per tempo comunicazione, a differenza di quanto sostenuto da un consigliere di maggioranza, mostrando nell’occasione di disconoscere quella che è la realtà dei fatti e dunque parlando senza cognizione, e spingendosi addirittura oltre, fino ad accusarci di non aver voluto partecipare alla stessa seduta. In realtà solo qualche ora prima è pervenuto un messaggio con le procedure daseguire per essere collegati e dunque virtualmente presenti. Sinceramente avremmo preferito un contenuto diverso del messaggio soprattutto conoscendo i motivi dell’assenza». 

Ovviamente abbiamo chiesto ai due consiglieri circa la comunicazione che avrebbero inviato e ci hanno fatto leggere le due pec, dove ciascuno comunicava le motivazioni della propria assenza ed essendo non semplici motivi lavorativi o di famiglia, ma legati al Covid, resta molto grave, anche per rispetto dei tanti malati (il bollettino di oggi ne segna 99) e della tantissima gente in quarantena preventiva, grazie alla quale i numeri dei positivi non si moltiplicano, che alla fine ieri sia passato il messaggio che essere positivi al Covid o in quarantena può diventare anche una colpa: «Se Prestileo e Lazzaro, nonostante siano stati messi nelle condizioni di partecipare non hanno voluto, noi non possiamo farci niente» si è sentito dai banchi della maggioranza. 

Perché questa fretta di insediare le commissioni? Anche perchè poi per le ultime tre commissioni non è stato individuato un vicepresidente dalla minoranza e quindi la votazione del vicepresidente è saltata. «Noi abbiamo fatto il nostro dovere per le prime due Commissioni ha affermato il consigliere Scionti per le altre o ci allontaniamo dall’aula o ci asteniamo, perché non vogliamo assumerci tale responsabilità. Si tratta di uno sgarbo istituzionale la proposta della maggioranza, visto che mancano i due consiglieri Lazzaro e Prestileo. Se tecnicamente è possibile votare lo stesso noi voteremo contrario».

Il consigliere Marafioti ha rimarcato parlando di «correttezza istituzionale». E ha aggiunto: «Manca un gruppo politico che conta due voti e non è opportuno, né democratico occupare altri posti che spettano ad altri componenti della minoranza». Ed anche il consigliere Stranges con la sua dichiarazione ha unito l’intera minoranza: «Io sono un rappresentante di Forza Italia, ma sono in questo Consiglio comunale perché appartenente anche ad una coalizione, quindi dal punto di vista politico mi sento di appartenere a un centrodestra che oggi è privo della rappresentanza di un partito, pertanto anche io sono contrario a fare qualsiasi tipo di scelta sulle prossime vicepresidenze proprio perché non ho la possibilità di potermi confrontare con gli altri membri della coalizione». 

Ecco che arriva la parola confronto. Necessario anche nella maggioranza che più volte ha chiesto una pausa, dando però l’impressione di veri e propri time out chiesti dagli allenatori della squadra presenti a bordo campo per comunicare ai consiglieri in partita le tattiche di gioco. Confronto che in streaming non avrebbero potuto avere Lazzaro e Prestileo, ma avendo il Covid ed essendo in quarantena secondo quanto dichiarato dalla maggioranza già avergli dato la possibilità di votare da casa era tanto!

Dallo streaming

Come è finita? Il segretario ha proposto di rimandare ad un’altra seduta la votazione del vicepresidente e la maggioranza ha accettato votando intanto il presidente e il segretario di ogni commissione e prendendosi la presidenza di tutte le commissioni che sarebbe potuta andare per regolamento anche alla minoranza. 

Le domande sono tante, e infatti nella nota dei consiglieri Lazzaro e Prestileo si legge anche: «Non comprendiamo cosa abbia spinto la maggioranza ad essere stata cinica nel proseguire dritta nonostante non vi fosse alcun limite temporale per la costituzione delle commissioni consiliari e soprattutto nonostante i diversi inviti fatti dai colleghi consiglieri di minoranza (che ringraziamo per la sensibilità dimostrata)».

Alla fine bisognerà lo stesso riunirsi per votare i vicepresidenti di 3 commissioni, non si poteva dunque rimandare il tutto? Qualcuno potrebbe rispondere che il lavoro delle commissioni ha necessità di partire subito, ma in questo lasso di tempo in cui le commissioni potrebbero riunirsi hanno senso senza la garanzia del vicepresidente di minoranza? O alla fine si tratta solo di finte commissioni dove a decidere è sempre e solo chi ha più potere, senza una vera collaborazione costruttiva?

Consiglio comunale del 25 marzo 2021

Ma i consiglieri di Fratelli d’Italia lanciano anche una frecciatina al sindaco scrivendo: «Ciò che però ci ha maggiormente deluso è l’atteggiamento poco rispettoso nei confronti di un gruppo consiliare che si è speso tanto nel turno di ballottaggio a favore proprio della stessa maggioranza».

Forse in politica non esiste la riconoscenza, a Taurianova già durante lo spoglio elettorale del primo turno, Prestileo stesso, candidato a sindaco, ha visto alcuni tra i suoi candidati passare subito sul carro del vincitore, però fanno bene Lazzaro e Prestileo a ricordare che i loro voti del primo turno sono andati a sostegno di Biasi, mentre ora paradossalmente è Scionti e la sua colazione, politicamente distante, ad essere vicina a loro, perché non si guarda il partito quando una persona non sta bene, si dà vicinanza. «Di fronte a problemi di salute, riteniamo che la politica venga in secondo piano – dichiarano i due consiglieri Lazzaro e Prestileo che concludono ribadendo la loro volontà politica di collaborazione, auspicando – nonostante la gravità dell’accaduto, che da questo spiacevole episodio la maggioranza possa farne tesoro affinché simili situazioni non si verifichino nuovamente».

Taurianova oggi è il secondo paese della Piana per casi Covid, Taurianova è anche il paese che vanta di un grande centro vaccinale, ma se tanta energia viene data al vaccino, perchè non c’è attenzione verso i positivi? Le ultime parole del sindaco Biasi sui casi Covid sono «è tutto sotto controllo», ma lo è davvero? Davvero i malati di Taurianova hanno comunque sentito un’Amministrazione vicina? O siamo in una fase dove si pensa alla ripresa economica più che alle persone?

Non è una colpa ammalarsi di Covid, non è una colpa essere posti in quarantena, è una colpa non rispettare le regole e non farle rispettare. E’ una colpa andare alle feste, è una colpa superare la fila per il vaccino, è una colpa non dichiarare la propria positività o uscire di casa quando si è in quarantena, non il contrario.

Ed è una colpa affermare cose non vere da quell’aula istituzionale, che non è un palco e non siamo più in campagna elettorale, o forse sì, perchè le elezioni regionali sono alla porta. E sarà bello capire se anche il quel caso la maggioranza di Taurianova sarà compatta come lo è stata ieri. Intanto statisticamente al Sud, secondo un sondaggio realizzato da Winpoll per Il Sole 24 Ore, Fratelli d’Italia è – per la prima volta – il partito che gode di più consensi.

Nadia Macrì
direttore

Ultime Notizie

Associazioni

Notizie suggerite