15.5 C
Comune di Taurianova
lunedì, Ottobre 25, 2021

Cari bimbi domani si comincia…

- Pubblicità -spot_img

Cari bimbi, ma anche cari genitori, cari insegnanti, caro personale ATA, autisti, accompagnatori, presidi, ecc. ecc. ecc.

A scrivervi è un topo, ma non un topo qualsiasi, io sono famoso. Mi presento sono Pepè, soprannominato il topo intelligente!

Sono intelligente per tanti motivi, intanto perché attraverso la strada sulle strisce pedonali, poi perché mi piace leggere, e chi legge cresce non solo in età e infine perché mi piace ascoltare i consigli dei miei fratelli e amici più grandi, e certe volte ciò che per me sembra complicato per i grandi è una passeggiata da topi, ops da ragazzi.

Puoi acquistare per i tuoi bimbi il libro e il topo Pepè e contribuire al progetto “L’arte che accarezza”.

Vi scrivo perché mi sento uno di voi, sono uno dei tanti topi sopravvissuti alla “derattizzazione” (un termine brutto che un giorno capirete meglio), e quest’estate mi è capitato di visitare qualche scuola, almeno i cortili delle scuole, dove grazie alle erbacce è stato facile trovare un po’ d’ombra, adesso invece è tutto pulito perché domani inizia la scuola e credetemi sono felice ed emozionato anch’io per voi.

Lo sapete che in tutta Taurianova ci saranno ben 136 bimbi per i quali domani mattina suonerà per la prima volta la campanella della scuola elementare? 11 a San Martino, 13 ad Amato e ben 112 divisi nelle due scuole del centro città.

Pepè e i suoi fratelli

136 nuovi zainetti, nuovi grembiulini, ma soprattutto 136 paia di gambe e piedi in più che inizieranno a correre verso la scuola. È bello vedervi ogni mattina arrivare, qualche angolino con un po’ di spazzatura lo troviamo spesso per nasconderci e guardarvi. Guardiamo la vostra felicità, a volte la vostra stanchezza e sonno, ogni tanto percepiamo anche un po’ di paura, soprattutto nei più grandi quando iniziano le interrogazioni, però vorrei confidarvi una grande scoperta.

La scuola è bella! Sì, che grande scoperta… direte voi, e invece è proprio così. Questa scoperta è stata fatta negli ultimi due anni, quando per quel brutto virus arrivato dalla Cina, hanno chiuso tutte le scuole. Tantissimi bambini hanno scoperto proprio in quei giorni quanto fosse bella la scuola, quanto fosse bello ritrovarsi con i compagni di classe, con le maestre, con gli amici all’uscita. È bello perché nonostante sia dura alzarsi la mattina presto, in classe c’è sempre qualcuno lì per te. È bello perché nonostante sia faticoso a volte studiare, si imparano un sacco di cose. Si impara anche a stare nel mondo nonostante i grandi spesso pensino sia solo per loro, e invece no, il mondo è soprattutto vostro. È dei bambini, che siete la parte più bella dell’umanità, perché festosi, colorati e pieni di sogni.

E ogni tanto bisogna parlare ai grandi come se si stesse parlando ai bambini, perché ho scoperto, da topo intelligente, che parlando a voi, sotto sotto comprendono anche loro, o meglio comprendono meglio, spolverando il loro cuore di bambini, ed è solo il cuore dei bambini capace di meravigliarsi e sorridere. Sorridere anche sotto quella mascherina che da domani dovrete rindossare per cinque ore di fila. Sarà un sacrificio, ma sotto la mascherina può scappare anche uno sbadiglio senza farsi pizzicare, quindi alla fine può tornare utile!

Quindi non dimenticate la mascherina ed il gel, è importante disinfettarsi le mani spesso e seguire tutte le indicazioni che le maestre vi daranno. Bambini vi raccomando, sempre attenti e collaborativi, perché il brutto virus c’è ancora e le maestre, quasi tutte (almeno 9 maestre su 10), sono state vaccinate, voi invece avete solo la mascherina e il gel come alleati. Molti bimbi purtroppo hanno sperimentato quanto sia brutto questo virus e la malattia che porta, febbre alta, mal di pancia, tosse e si perde pure il gusto di mangiare, perciò non fate come i grandi che sottovalutano il Covid, fate sempre attenzione, alla fine è molto più pericoloso di un topo dentro la scuola.

E chissà, forse proprio perché sono intelligente le maestre mi faranno entrare e ci conosceremo di presenza, ho tante storie da raccontarvi… E vi raccomando, so bene che le copertine dei vostri quadernoni sono state scelte soprattutto dai grandi, alcune sono anche griffate, tante femminucce avranno la linea dagli occhi grandi, ma l’importante non è avere copertine belle, ma riempirli bene quei quadernoni.

Viva la scuola, viva voi.

A presto!

Topo Pepè

Nadia Macrì
direttore

Ultime Notizie

Associazioni

Notizie suggerite