fbpx
21.2 C
Comune di Taurianova
domenica, Settembre 25, 2022

Il 2022 inizia con la campanella online

Il sindaco Biasi firma l'ordinanza che prevede la Dad fino al 15 gennaio per tutte le scuole di Taurianova

- Pubblicità -spot_img

Per il secondo anno consecutivo, l’inizio delle lezioni dopo le vacanze natalizie sarà a distanza, con il suono della campanella online. L’anno scorso era stato il presidente ff Spirlì a prendere la decisione, quest’anno (dopo lo slittamento del suono della campanella disposto da Occhiuto) è il sindaco Biasi a firmare un’ordinanza che prevede “La sospensione in via cautelativa delle attività didattiche in presenza con attivazione della DaD a cura dei Dirigenti Scolastici, per tutte le scuole di ordine e grado presenti sul territorio comunale di Taurianova, e la chiusura degli asili privati e le ludoteche, dal 10.01.2022 al 15.01.2022”. Tutto questo perchè “persistono le criticità sanitarie che hanno motivato l’istituzione della c.d. zona arancione e che l’evolversi della situazione epidemiologica rivela un incremento dei casi sul territorio nazionale e anche sul territorio comunale di Taurianova”. E in effetti i positivi a Taurianova sono ormai oltre i 400, con un aumento costante dopo il contagio di interi nuclei familiari.

Sicuramente è il risultato delle tavolate delle feste (e ancora non siamo nel picco, secondo le statistiche), ma è anche vero che dopo lo scorso Natale in zona rossa, quest’anno in molti hanno voluto recuperare gli incontri anche perchè nessuno li vietava se non il buon senso del singolo cittadino.

E’ anche vero che siamo davanti ad una variante con una virulenza molto alta, quindi ci si può facilmente contagiare già soltanto stando senza mascherina a tavola, in un luogo chiuso, e forse è mancata anche una buona campagna di sensibilizzazione da parte di chi per troppo tempo ha preferito la linea del “è tutto sotto controllo”, “non facciamo allarmismo”, “c’è stato un terrorismo mediatico”.


Dopo che rubano a Santa Chiara… si sono sempre messe le porte di ferro, e così anche a Taurianova si attiva la Dad, al momento per una settimana, ma sappiamo tutti che le lezioni online potrebbero durare molto di più.

Si accende quindi il dibattito sulla mancata riapertura delle scuole, anche se con questi numeri (che in realtà potrebbero essere molti di più, essendo saltato ogni tracciamento) era l’unica soluzione, anche considerando che la nostra regione è fra quelle dove si registra una maggiore occupazione dei reparti di area medica e che la variante Omicron, avrebbe prodotto un’escalation di assenze, visto che ieri, in Calabria, ci sono stati oltre 2600 nuovi casi, di cui la metà nel reggino.

Centro Vaccinale Taurianova

E’ pur vero come ha affermato Occhiuto che «La dad in una regione come la nostra che ha carenze di natura digitale e infrastrutturale è sempre un problema». 
Una cosa è infatti stare seduti dietro ad una scrivania con un grande schermo del pc, un’altra è seguire la Dad dal telefonino, se non altro perchè i figli di una famiglia sono magari più dei pc che la stessa possiede, oltre al fatto che se per alcune materie è più semplice spiegare a distanza, per altre diventa molto difficoltoso il lavoro degli insegnanti, e poi se magari ci si gestisce bene fra mail, inviti, microfoni e telecamere da adolescenti, tutto diventa più complicato se a dover fare la Dad sono i bambini più piccoli che non hanno la possibilità di avere accanto un genitore. Genitori che fanno da pubblico a volte, limitando quella che dovrebbe essere la riservatezza che la scuola generalmente garantisce, perché con gli insegnati che magari interrogano (con le loro buone ragioni), già in una settimana di Dad si può capire l’andamento scolastico di ogni compagno di classe dei propri figli, e questo sarebbe un dato sensibile che non andrebbe divulgato.

Magari saranno giorni in cui si potranno incrementare le vaccinazioni nella fascia d’età scolare pediatrica, fra i cinque e gli undici anni, garantendo poi un ritorno in sicurezza sui banchi di scuola, ed è questo l’obiettivo dei due open school vax day che la Regione Calabria ha organizzato per oggi e domani in cui sono coinvolti una ventina di istituti, tra cui il vicino Istituto Tecnico “F. Severi” di Gioia Tauro, mentre a Taurianova è attiva la vaccinazione pediatrica direttamente al centro di largo Bizzurro.

Sembra purtroppo di essere tornati indietro di molti mesi, ma non arrendiamoci e speriamo che presto si possa davvero andare verso tempi migliori!

- Pubblicità -spot_img
Nadia Macrì
Nadia Macrì
direttore

Ultime Notizie

Associazioni

- Spazio Pubblicitario -spot_img

Notizie suggerite