27.7 C
Comune di Taurianova
lunedì, Agosto 2, 2021

Stop ai vaccini, purtroppo

Il Poliambulatorio - ASP 5 di Taurianova, con nota prot. 256 del 19/02/2021, ha comunicato che il Centro Vaccini sospende l'attività

- Pubblicità -spot_img

Niente più vaccini per il momento a Taurianova. L’Asp ha ordinato la sospensione immediata dell’attività del Centro Vaccini di Largo Bizzurro.

Stop alle telefonate! Questa frase che sentiamo durante i televoti, quando abbiamo la possibilità di scegliere chi far vincere un determinato concorso o programma, o eliminare un concorrente, oggi potremmo utilizzarla per le prenotazioni degli over 80. Questa volta però a perdere siamo un po’ tutti, perchè la chiusura (e ci auguriamo solo temporanea) del Centro Vaccini di Taurianova, fa fare un passo indietro a tutta la città.

Non è una vittoria di nessuno, è una sconfitta, forse determinata dalla mancata concentrazione in campo… sanitario. E non è però nemmeno colpa dell’arbitro che ha fischiato o del pubblico in agitazione o della stampa che ha fatto il suo dovere. Riportare e commentare ciò che è successo.

Oggi pomeriggio Taurianova ha perso, e ci auguriamo solo il primo tempo, di una partita importante. Già, come nello sport quando si perde una finale portata in vantaggio quasi fino alla fine, e certi di avere la vittoria in tasca, si perde poi l’obiettivo e la concentrazione. Mai cantare vittoria troppo presto, ci insegnano gli over 80.

La stessa concentrazione che abbiamo mollato in estate quasi convinti che il peggio fosse già passato, o ancor di più con l’arrivo dei vaccini. Quella preoccupazione anche esagerata di qualche tempo fa che portava ad igienizzare anche le suole delle scarpe ha ceduto il posto a dispenser vuoti un po’ ovunque.

La stessa mascherina per molti è più scesa che alzata e purtroppo anche i vaccini sono stati considerati con superficialità “di larga scala” e quindi di tutti e per tutti subito, quando invece sono ancora per pochi e preziosi, quasi “intoccabili”.

Oggi il bollettino di Taurianova segna ancora 5 nuovi positivi nelle frazioni, per un totale di ben 446 positivi dall’inizio della pandemia e 68 casi attivi secondo il bollettino comunale.

In realtà sono di meno, perchè 7 guariti del primo febbraio non sono stati sottratti dal totale. E quindi ci portiamo nei bollettini giornalieri 7 positivi in più, che portati avanti non determineranno mai in futuro 0 positivi.

Ma non è solo una questione di numeri, anche se 49 più 33 non fa 89, la salute è una cosa seria, e durante una pandemia in corso, ancora di più. Perchè poi la parola pandemia quanti di noi l’avevano pronunciata prima di un anno fa?

Siamo dentro una malattia determinata da un virus e lo siamo con tutto il mondo. Il vaccino è al momento l’unica salvezza e saremo tutti vaccinati non prima della fine dell’anno, per essere ottimisti.
Eppure avevamo raggiunto per Taurianova un risultato meraviglioso, grazie sicuramente al lavoro di molti, i vaccini salvezza a due passi da casa. Ma come le primule, nemmeno il tempo di una stagione.

Ci sono stati diversi errori, dettati dall’entusiasmo, dall’inesperienza, dalla superficialità, dalla voglia di strafare, ma la sanità è un campo in cui non c’è possibilità di sbaglio. Si può sbagliare per tutto e passiamo sbagliare tutti, ma non con la salute, senza conseguenze, soprattutto non con la salute quella degli altri.

Domani e domenica gli over 80 prenotati a Taurianova non saranno vaccinati, magari non avranno internet, e a quest’ora sono già a letto. Ci auguriamo che quel “ici ca” funzioni davvero stavolta e domani nessun anziano ignaro andrà a Largo Bizzurro con tanta speranza per poi tornare indietro con una nuova delusione.

Delusione che non dobbiamo dare nemmeno ai giovani. Ci si può scontrare per un mercato, per uno spazio verde, per le illuminarie, perfino sulla parola “politica” ed il suo significato, ma questo caos che si è generato non può avere un tifo da stadio. Questa volta più che mai bisogna essere responsabili, dare spiegazioni serie dove servono e aiutare i nostri over 80 a vaccinarsi. Non serve scaricare colpe o trovare solo i colpevoli senza aiutare i nonni di Taurianova a ricevere il vaccino. Paradossalmente la spazzatura può anche restare ferma davanti ai portoni, ma i nostri anziani no. Non sono scarti.

Nadia Macrì
direttore

Ultime Notizie

Associazioni

Notizie suggerite